icon-search

Smart Working

Una guida pratica per l'avvio e l'utilizzo

Lo Smart Working è diventato oggi una necessità per tantissime aziende, costrette nelle ultime settimane a rivedere i propri metodi lavorativi. 

Cosa si intende per Smart Working?

  • Lo smart working (o lavoro agile), regolato dalla Legge n. 81/2017 e successive norme, è una modalità di organizzazione del lavoro dipendente finalizzata a promuovere la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro del dipendente e, al contempo, la crescita della sua produttività;
  • È caratterizzato dall’assenza di vincoli orari o spaziali e un’organizzazione per fasi, cicli e obiettivi, stabilita mediante accordo tra dipendente e datore di lavoro;
  • Viene posto l’accento sulla flessibilità organizzativa, sulla volontarietà delle parti che sottoscrivono l’accordo individuale e sull’utilizzo di strumentazioni che consentano di lavorare da remoto (come ad esempio: pc portatili, tablet e smartphone);
  • Ai lavoratori agili viene garantita la parità di trattamento – economico e normativo – rispetto ai loro colleghi che eseguono la prestazione con modalità ordinarie. È, quindi, prevista la loro tutela in caso di infortuni e malattie professionali, secondo le modalità illustrate dall’INAIL.

 

Al seguente link è consultabile la guida pratica completa a sostegno delle aziende per l’avvio di una modalità di lavoro agile e flessibile.

Torna alle news

MADE CC – Bando 2021 – Nuova edizione, seconda fase competitiva: Progetti di Innovazione, Ricerca Industriale e Sviluppo Sperimentale

MADE S.c.a.r.l., il Competence Center (CC) di Milano, ha aperto la nuova edizione del Bando…

DIGITbrain, in arrivo la seconda Open Call.

Il progetto UE DIGITbrain, finanziato nell’ambito di Horizon 2020, ha lanciato la Seconda Open Call,…