icon-search

Prorogato l’Avviso Pubblico “Abilitazione al cloud per le PA locali”

Il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha deciso di prorogare i termini per l’Avviso pubblico per la presentazione di domande di partecipazione a valere sul PNRR - Missione 1 - Componente 1 - Investimento 1.2 “Abilitazione al cloud per le PA locali” - Comuni - finanziato dall’Unione europea - NextGenerationEU.

Il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri ha deciso di prorogare i termini di validità dell’Avviso pubblico per la presentazione di domande di partecipazione a valere sul PNRR – Missione 1 – Componente 1 – Investimento 1.2 “Abilitazione al cloud per le PA locali” – Comuni – finanziato dall’Unione europeaNextGenerationEU.”. L’investimento è collegato all’obbligo, introdotto dall’art. 35 del D.L. 76/2020, per la PA di migrare i propri CED verso ambienti cloud.

 

FINALITÀ

L’investimento è finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi:

Milestone M1C1-125, da conseguirsi entro marzo 2023: “Notifica dell’aggiudicazione di (tutti) i bandi pubblici per ogni tipo di amministrazione pubblica coinvolta (comuni, scuole, enti sanitari locali) per la raccolta e la valutazione dei piani di migrazione. La pubblicazione di tre bandi mirati consentirà al Ministero dell’Innovazione Tecnologica e della Transizione Digitale di valutare le esigenze specifiche di ciascun tipo di amministrazione pubblica interessata. Aggiudicazione degli appalti (ossia pubblicazione dell’elenco delle PA ammesse a ricevere finanziamenti) relativi a tre bandi di gara pubblici, rispettivamente, per i comuni, le scuole e le aziende sanitarie locali, al fine di raccogliere e valutare i piani di migrazione, in conformità agli orientamenti tecnici sull’applicazione del principio “non arrecare un danno significativo” (2021/C58/01) mediante l’uso di un elenco di esclusione e il requisito di conformità alla pertinente normativa ambientale dell’UE e nazionale”;
Target M1C1-139, da conseguirsi entro settembre 2024: “La migrazione di (numero) 4.083 pubbliche amministrazioni locali verso ambienti cloud certificati sarà realizzata quando la verifica di tutti i sistemi e dataset e della migrazione delle applicazioni incluse in ciascun piano di migrazione sarà stata effettuata con esito positivo”;
Target M1C1-147 da conseguirsi entro giugno 2026: “La migrazione di (numero) 12.464 pubbliche amministrazioni locali verso ambienti cloud certificati sarà realizzata quando la verifica di tutti i sistemi e dataset e della migrazione delle applicazioni incluse in ciascun piano di migrazione sarà stata effettuata con esito positivo”.

 

Il Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, ritenendo opportuno consentire la più ampia partecipazione dei Comuni destinatari, ha stabilito un allungamento dei termini di validità dell’Avviso.

 

BENEFICIARI

Sono invitati a presentare proposte a valere sull’Avviso esclusivamente i Comuni.

Il singolo Ente locale, come sopra individuato, può presentare, a valere sull’Avviso, una sola domanda.

Le proposte di Soggetti Attuatori già ammessi al finanziamento a valere sull’Avviso Misura 1.2 “Abilitazione al Cloud per le PA locali“ – Comuni (Aprile 2022) non sono ammissibili ai fini dell’Avviso.

 

DOTAZIONE FINANZIARIA

Le risorse complessivamente stanziate per l’Avviso sono pari ad € 215.000.000.

 

INIZIATIVE AMMISSIBILI

I Soggetti Attuatori si candidano per l’implementazione di un Piano di migrazione al cloud (comprensivo delle attività di assessment, pianificazione della migrazione, esecuzione e completamento della migrazione, formazione) delle basi dati e delle applicazioni e servizi dell’amministrazione.

Le attività devono essere state avviate a decorrere dal 1° febbraio 2020.

 

CONTRIBUTI

L’importo del finanziamento concedibile ai Soggetti Attuatori è individuato, ai sensi dell’art. 53 par. 1. Lett. c) del Reg. UE 1060/2021, in un importo forfettario (lump sum) determinato in funzione:

Delle modalità di Migrazione al Cloud;
Della classe di popolazione residente di riferimento del medesimo Soggetto Attuatore.

 

La classe di popolazione residente di appartenenza del singolo Soggetto Attuatore è determinata sulla base di quanto al dato ISTAT 2021.

Il finanziamento, nella misura dell’importo forfettario, sarà erogato in un’unica soluzione a seguito del perfezionamento delle attività di migrazione al cloud oggetto del finanziamento.

Il progetto presentato non è finanziato da altri fondi pubblici, nazionali, regionali o europei e rispetta il principio di addizionalità del sostegno dell’Unione europea previsto dall’art. 9 del Regolamento (UE) 2021/241.

 

TERMINI DI PARTECIPAZIONE

La scadenza dell’Avviso pubblico per la presentazione delle domande, inizialmente individuata alle ore 23:59 del 30 settembre 2022, è prorogata alle ore 23:59 del 28 ottobre 2022.

I Soggetti Attuatori devono presentare domanda di ammissione al finanziamento esclusivamente tramite il sito PA digitale 2026, accessibile al seguente LINK.

Sono inoltre disponibili, nel canale YouTube del Dipartimento per la trasformazione digitale, dei video tutorial dedicati all’Avviso:

 

 

Torna alle news

ASSIST-IoT – Seconda Open Call – Nuovi termini

Sono stati ufficialmente posticipati i termini di presentazione delle domande per la Seconda Open Call…

ESA – Space for Tourism – Innovazione digitale per turismo e viaggi

Sono ancora aperte le candidature per il bando “Space for Tourism”, promosso dall’Agenzia Spaziale Europea,…